Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

La Statale premiata dal Banco Alimentare della Lombardia

Sono oltre 34 mila le uova donate a persone indigenti grazie alla sinergia tra Università Statale di Milano e Banco Alimentare della Lombardia che, il 7 marzo, consegnerà al rettore Elio Franzini una targa per l'alto valore sociale e di sostenibilità.

Stiamo parlando di CAMFEED, il progetto finanziato da Fondazione Cariplo, a cui hanno contribuito i ricercatori dell'Università Statale di Milano, nel cui ambito è stato possibile donare al Banco Alimentare della Lombardia – tra il 2017 e il 2018 – circa duecento uova per sei mesioltre a 240 galline e 350 polli: un caso esemplare di come la ricerca possa incrociare la solidarietà in un percorso virtuoso di economia circolare.

Il progetto – nato per sviluppare nuove formulazioni di mangimi arricchiti in omega-3 per gli  avicoli – ha visto la partecipazione dei dipartimenti di Scienze e Politiche ambientali, con il gruppo di ricerca guidato da Valentina Ferrante, e di Medicina Veterinaria con il team di GUIDO GRILLI.

Condotto presso il Centro Zootecnico Didattico Sperimentale di Lodi, il progetto di ricerca ha visto una fase di allevamento di galline ovaiole e broiler (comuni polli da carne) alimentati con Camelina sativa, una pianta che produce semi ricchi in omega-3, con contemporanea donazione al Banco Alimentare della Lombardia dei prodotti derivati.

Una best practice di progettualità condivise – Banco Alimentare della Lombardia, Università Statale di Milano, CNR-IBBA, CNR-ISPA, ATS, Fondazione Cariplo – che potrebbe essere replicabile in altri casi di ricerca nell'agroalimentare, generando impatto sociale e promuovendo un nuovo approccio culturale.

L'evento finale del progetto CAMFEED è, invece, in programma martedì 2 aprile – ore 9, presso il CNR, Area della Ricerca di Milano, via Alfonso Corti 12 –alla presenza anche dei rappresentanti del Banco Alimentare della Lombardia. Nel corso della giornata saranno presentati i risultati relativi all'utilizzo del panello di Camelina sativa come supplemento nelle diete degli avicoli per arricchire i prodotti derivati in omega-3 e antiossidanti, elementi preziosi che giocano un ruolo importante nella alimentazione umana.

LA STATALE NEWS

 

 

07 marzo 2019
Torna ad inizio pagina